Crea sito

Come mai una struttura a quel dato nome o perchè si chiama in quella maniera?

A me si! spesso! E di conseguenza vado a cercare notizie in merito per capire e scoprire il perchè di un dato nome:

L’Italia del giorno dopo di Francesco Campopiano

I Fiorentini come me sicuramente avranno sentito dire qualche volta “c’ho l’appuntamento ai Don Gnocchi”, io da piccino pensavo che si trattasse di dove facevano gli Gnocchi, poi crescendo e per motivi personali ho avuto a che fare con questa struttura ed ho scoperto che è presente in tutta Italia ed è all’avanguardia.

25 Ottobre del 1902

Vi scrivo questo perché oggi ricorre la nascita di Don Carlo Gnocchi, proprio il 25 Ottobre del 1902. La sua storia è una favola, si divide tra odio e amore, salute e malattia, guerra e pace, ma il filo conduttore è uno solo, quello di voler aiutare i bambini ed i giovani in difficoltà con maggiore attenzione per quelli rimasti offesi a causa della guerra.

Straziante ma eroico fu il suo pellegrinaggio tra le famiglie delle vittime di guerra, dove portava il conforto di un prete, ma sopra di tutto le ultime volontà raccolte tra i ragazzi caduti al Fronte.

Con la sua semplicità è riuscito a spostare l’attenzione della chiesa

Più mi informavo sulla sua vita e più leggevo parole di ammirazione da parte di tutti quelli che hanno scritto su di lui. Quest’uomo con la sua semplicità è riuscito a spostare l’attenzione della chiesa, dello Stato e di molti medici verso i più bisognosi.

Il Padre dei Mutilatini

Tra la fine della seconda guerra mondiale e la sua morte, si dedicò anima e corpo ad aiutare gli orfani ed i mutilati, per questo fu soprannominato il Padre dei Mutilatini, creando quello che oggi noi conosciamo con il suo nome.

Un maestro di vita

Don Gnocchi è stato un maestro di vita per molti giovani del suo tempo, oggi manca un personaggio così!

Galg61blog

*******************************************************************************************************************************************

*******************************************************************************************************************************************

*******************************************************************************************************************************************