Crea sito

G. Gallo: una vita in divisa: parliamo di cose serie ad esempio gli “Alieni”

Jean Gallò

G. Gallo: una vita in divisa: parliamo di cose serie ad esempio gli “Alieni”

G. Gallo: una vita in divisa: parliamo di cose serie ad esempio gli “Alieni”

Avevo 19 anni ero a Milano insieme a un collega di Roma in servizio vigilanza esterna della caserma Annarumma zona albicocca era una notte di inverno, faceva freddo e molta nebbia.

La caserma, che tu Direttore conosci bene essendo anche tu stato in Polizia, è situata alla estremità della città intorno e tutta terra agricola casette di legno di contadini e presenze di cani un po’ vivaci. Inoltre la caserma era circondata di lampioni la distanza circa di trenta quaranta metri tra l’uno a l’altro.

Eravamo attrezzati con radio portatile mitra e pistola alle tre circa intorno a noi ci fu’ il silenzio totale i cani smisero di abbaiare la radio portatile silenzio non era possibile comunicare con la sala operativa, ma cosa succede, ci guardiamo in faccia non sappiamo cosa fare anche perché davanti a noi non c’erano più illuminazione dei lampioni, eravamo bloccati al centro della via sterrata e due lampioni uno davanti e una di dietro oltre non si vedeva più niente buio più completo.

A un certo momento vediamo davanti a noi circa 50/100 metri alcune luci rosse ed arancione abbiamo pensato che fosse una macchina di una coppietta, ma ché tacci de pippo quelle luci si muovono velocemente verso sinistra sulla terra appena arata non ci sono strade e dopo altri metri fatti velocemente si allontano volando via. Proprio in quello stesso istante i cani ricominciano ad abbaiare la radio ricominciò a funzionare nonchè tutte le luci dei lamponi si riaccesero.

Be’ che dire cosa fosse non lo so una cosa e certa mi ero proprio spaventato. Il giorno dopo sul giornale c’era scritto che nei cieli di Milano era apparso un oggetto non identificato.

  • Che dire forse erano i miei colleghi extraterrestri.

Buongiorno…..il vostro amico Gianni Gallo il Poliziotto.

 

di Gianni Gallo