Crea sito

BLU Bella Libera Umbria

Urbanistica

Mercoledì scorso in commissione Urbanistica è passata la pratica del polo di formazione aeronautica con 12 voti a favore e due astenuti. Un voto di astensione è il voto della nostra consigliera Renda. 

Durante il dibattito

Durante il dibattito la nostra consigliera Renda ha espresso molti dubbi causati dai pochi documenti forniti per valutarlo. La nostra Renda ha dichiarato che questo progetto si inserisce in un contesto che richiede una importante pianificazione, intervenendo in un settore che è in forte difficoltà con tante compagnie che stanno tagliando voli ed organici e che quindi sarebbe stato opportuno conoscere che valutazione e che correttivi era necessario inserirvi, vista la difficile situazione che si è venuta a creare nel settore.

La consigliera di Blu

La consigliera di Blu ha inoltre espresso perplessità per l’assenza di un piano finanziario per la realizzazione della scuola di volo, ma anche per la carenza di adeguate rassicurazioni su chi sono gli investitori di cui ha ripetutamente parlato il Dottor Sacchetti, durante la sua audizione senza però dirne il nome. Ritenendo che un operazione cosi vasta richieda cautela, la Renda ha proposto un rinvio per acquisire ulteriore documentazione.

Ha richiesto inoltre

Ha richiesto inoltre audizione dell’Enac per sapere se, come affermato in audizione dal Presidente della Sase Ernesto Cesaretti realmente garantisce per gli investitori.

Ha inoltre chiesto che

Ha inoltre chiesto che un perito certificasse che pur in presenza di una scuola di volo, l’aeroporto possa continuare ad operare voli commerciali.  

Richiede inoltre

Richiede inoltre il protocollo d’intesa tra Sase, Enac e Holding 01, sul quale pare si poggi tutta l’operazione, perché sul sito del Ministero risulta firmato solo da Sase.

Senza questi approfondimenti

Senza questi approfondimenti, ha concluso, non ci sono gli elementi per prendere una decisione consapevole.

Un investimento per fornire alla comunità reale opportunità deve essere sicuro.

G. Castelli