Crea sito

L’atleta Italiano che vinse due campionati nel Calcio e nella Pallanuoto

L’atleta Italiano che vinse due campionati nel Calcio e nella Pallanuoto di Francesco Campopiano

Voglio ricordare un grande dello sport

Voglio ricordare un grande dello sport, che probabilmente molti non conoscono, ma che ha vinto il campionato nazionale di 2 sport simili ma completamente diversi.

L’unico Italiano

Credo di non sbagliare nel dire che sia l’unico Italiano che abbia ottenuto questo risultato

Nel 1899, nel 1902,1903 e 1904

Nel 1899, nel 1902,1903 e 1904 ha vinto il campionato di Calcio Italiano da Giocatore nella squadra del Genova e nel 1914 vinse il campionato Nazionale di Pallanuoto sempre nella squadra del Genova.

Enrico Pasteur

Enrico Pasteur nacque proprio il 27 Agosto del 1882, lo chiamavano Pasteur II per non confonderlo con il fratello Edoardo.

Un vero amante dello sport

Enrico era un vero amante dello sport, perché oltre ai due sport sopra riportati ne ha praticati molti altri ottenendo sempre ottimi risultati.

Divenne anche arbitro

Il suo amore per lo sport era fortissimo, tanto che, dopo la carriera agonistica, divenne anche arbitro di Calcio e di Pallanuoto

Si mormora che

Si mormora che alcune regole introdotte nella categoria degli arbitri sia dovute proprio a Pasteur II.

Oltre il Calcio e d alla Pallanuoto

oltre al calcio ed alla pallanuoto, praticò il motociclismo, l’automobilismo e l’atletica, disciplina in cui ottenne il titolo di campione ligure nei 100 metri piani nel 1902.

Fu anche allenatore di calcio

Durante la Grande Guerra guidò la formazione genoana nei trofei e nelle amichevoli che si svolgevano al posto del campionato. Pasteur II è considerato lo scopritore di Ottavio Barbieri, che lanciò in prima squadra durante un’amichevole contro il British Head Quarters, formazione formata da calciatori professionisti britannici sotto le armi.

Una nota interessante

Una nota interessante, Pasteur II era sepolto nel cimitero di Genova, ma nessuno era capace di indicare il luogo esatto di sepoltura, fino al 2016 grazie ad alcuni lavori fatti dall’Associazione “Per Staglieno Onlus-Genova”.

L’Italia del giorno dopo

F. CAMPOPIANO