BLUTEC: la solidarietà dei Liberal Socialisti Sicilia Riformisti Indipendentisti

BLUTEC: la solidarietà dei Liberal Socialisti Sicilia Riformisti Indipendentisti

NOI Liberal- Socialisti Sicilia Riformisti Indipendentisti siamo solidali e vicini agli operai della BLUTEC

di Salvo NERI portavoce Liberal Socialisti Sicilia Riformisti Indipendentisti

Ai loro bisogni ed esigenze, siamo vicini e solidali specie in questo periodo di feste, giorni in cui dobbiamo essere un po’ più onesti con noi stessi. La Solidarietà deve essere un ‘modus vivendi’, un modo di essere; è un legame che ci unisce per il fatto che siamo persone, esseri sociali, nati per vivere in una comunità di individui simili a noi. 

  • La Solidarietà è la consapevolezza intrinseca che siamo tutti parte di un’unica famiglia umana, fa parte del nostro DNA, è stampata nel nostro bagaglio genetico. 

Un legame, un’unione forte tra gli uomini e le generazioni

Perché ci fa riconoscere tutti appartenenti ad un unico nucleo che per crescere nel modo migliore deve saper accogliere e proteggere ogni individuo.

Riconoscendo quanto il valore di ciascuno sia importante per il benessere della collettività, perché corrisponde ad un nostro bisogno interiore inespresso, che, se ascoltato, ci fa essere pienamente umani. 

“Chi nel cammino della vita ha acceso anche soltanto una fiaccola nell’ora buia di qualcuno, non è vissuto invano

Natale amaro per gli operai Blutec: “Senza soldi da ottobre, ci hanno venduto per nulla” Seicentocinquanta tute blu del polo sorto dalle ceneri della Fiat di Termini sono in cassa integrazione da quasi 10 anni. La cig è scaduta e ancora non è stato firmato il decreto per rinnovarla: “Dateci un’alternativa lavorativa e la chiudiamo qui”BLUTEC: la solidarietà dei Liberal Socialisti Sicilia Riformisti Indipendentisti 

È il grido degli operai, abbandonati al loro tragico destino dalla politica 

La politica degli inutili, degli incapaci, dei superpagati per affossare la SICILIA per ridurre alla miseria tanti lavoratori, le loro famiglie, i loro figli. È questa la realtà siciliana che ancora una volta chiediamo al popolo siciliano di cancellare preferendo uomini capaci, donne all’ altezza delle situazioni.