Cambiare si deve cambiare si può eliminando le convinzioni limitanti

Cambiare si deve cambiare si può eliminando le convinzioni limitanti

Cambiare si deve cambiare si può eliminando le convinzioni limitanti

Cambiare si deve cambiare si può eliminando le convinzioni limitanti. E poi passo dopo passo, un percorso per modificare davvero quello che non ci piace nella nostra vita, in questa politica schifosa x schifosi.

  • Cambiare si deve cambiare si può Da dove partire per cambiare?

Il cambiamento è pienamente nella nostra portata, basta volerlo, volerlo davvero. Molte persone in realtà non vogliono davvero cambiare, vogliono lamentarsi e trovare alibi e scuse per non cambiare, perché cambiare spesso è fatica, è paura, è incertezza del nuovo.

Per introdurre un cambiamento, bisogna partire dall’avere chiarezza sul cosa ci piace, come vogliamo diventare. Avere un obiettivo, dunque, è il punto di partenza e di arrivo del nostro percorso di cambiamento.

Cambiare si deve cambiare si può

Eliminando con calma, costanza e pazienza. Costanza e pazienza sono due doti necessarie nel cambiamento. Il cambiamento è sempre in discesa quanto a difficoltà; il momento più difficile è cominciare, rompere schemi consolidati; una volta fatto si tratta di continuare finché quella diventa la nuova abitudine di pensiero e di comportamento che sostituirà a precedente. È così che un’abitudine funzionale sostituisce cattive abitudini disfunzionali.
  • Un passo alla volta senza il «tutto e subito

ma con la convinzione e la determinazione che cambiare per una società migliore non è cosi difficile, (in alcuni casi lo sarà pure), ma è difficile (o addirittura impossibile) senza una strategia, un metodo e la meta di andare a votare in massa per cancellare questi politici di sempre…rifiuti umani ingombranti, pericolosi per se e la collettività.

SALVO NERI.