Crea sito

Corsaro: Abbiamo trascorso 1° Maggio diversamente da tutte le altre volte

Corsaro: Abbiamo trascorso 1° Maggio diversamente da tutte le altre volte

Corsaro: Abbiamo trascorso 1° Maggio diversamente da tutte le altre volte

Siciliani, Calabresi, Campani, Sardi, Pugliesi, Abruzzesi, Umbri, Marchigiani, Toscani, Laziali, Romagnoli, Emiliani; Veneti, Giuliani, Friulani, Lombardi, Pimontesi, Valdostani, Trentini; Italiani e quanti si riconoscono di far parte di questa stirpe di umanità: abbiamo trascorso il 1° Maggio diversamente da tutte le altre volte, data la presenza nel nostro territorio di un nemico invisibile che ci ha costretti sulla difensiva per parecchi mesi; ora è arrivato il momento di reagire.

Abbiamo ascoltato da tempo tanti soloni

abbiamo ascoltato il nostro presidente del consiglio, non eletto dai cittadini, abbiamo ascoltato la maggioranza e la minoranza, da noi eletti, e tutti ci hanno dato, fino adesso, soltanto parole e privazioni, soltanto una parte della Magistratura ci ha dato, regalandoci i Mafiosi che le nostre forze dell’ordine ed i cittadini, con grande sacrificio e sangue, erano riusciti a catturare.

Ora è tempo di capire che dobbiamo agire

se non vogliamo soccombere ora è tempo di capire che, come hanno fatto i nostri nonni e i nostri padri, è tempo di sperare soltanto nelle nostre forze, nelle nostre armi, prendiamo le nostre armi che sono la nostra capacità di reagire, la nostra volontà, la nostra inventiva, la nostra dignità di italiani e facciamo da noi; ci hanno trattato come dei bambini, ci hanno considerato come degli inetti e indisciplinati perché ci hanno dato continuamente paura , timore e ansia, adesso basta alziamo la testa e mostriamo il nostro petto e la nostra dignità a questa Europa e al mondo intero.

Noi non abbiamo bisogno di una Europa in cui sono componenti che giurano di non voler aiutare gli italiani; noi non chiediamo elemosina a nessuno, perché ciò che abbiamo chiesto è semplicemente la centesima parte di quello che noi abbiamo dato come solidarietà ed aiuto a tutti nel mondo, quindi siamo in grado di rialzarci.

dobbiamo solo avere la prudenza e l’intelligenza per farlo

dobbiamo avere il coraggio di riprenderci la sovranità perduta; non cosa facile da soli, ne sono cosciente, soprattutto in questo momento con un parlamento inesistente, un governo timido, una opposizione non costruttiva, ma i nostri padri ci hanno insegnato come hanno costruito questa Italia, con il loro sangue e non con il sangue di altri, sangue italiano, e allora noi dimostriamo che siamo lor degni figli e con il nostro sudore, il nostro sacrificio possiamo ricostruire ciò che abbiamo perduto, ciò che i nostri politicanti hanno distrutto; ma con cautela, prudenza, attenzione ,amore e solidarietà.

Emanuele Teniamo duro, tutti insieme, senza distinzione alcuna
perché siamo tutti fratelli italiani, figli della stessa meravigliosa madre terra. È il momento del cambiamento, è il momento di una nuova Italia, più forte, più pulita, più affratellata. Amici abbiamo fatto tanti sacrifici, abbiamo rinunziato anche a certi nostri sacrosanti diritti, adesso usiamo la nostra intelligenza ed il nostro spirito di sacrificio e non buttiamo al vento tanta sofferenza, usiamo la testa, come siamo soliti fare noi italiani
Siamo prudenti, non dividiamoci

rimaniamo uniti e non abbiamo paura a formare una grande catena stringendoci forte con le nostre mani che abbiamo lavato, solo per igiene, e non come ha fatto Pilato, e gridiamo forte dalle alpi alla Sicilia al diavolo Maggioranza e Opposizione, viva gli italiani ,viva l’Italia. 

Pubblicato da Social News Blog

Blog di Giuseppe Castelli

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.