Esattamente 10 anni fa ci lasciò Sandra Mondaini

Esattamente 10 anni fa ci lasciò Sandra Mondaini: l’Italia del giorno dopo rubrica di Francesco Campopiano

21 Settembre

Mi fa piacere fare l’articolo di oggi, perche’ mi riporta un po indietro nel tempo e mi fa pensare a quello che di buono e semplice sia stato fatto nella televisione Italiana.

Una delle donne più belle più simpatiche ed ironiche

Esattamente 10 anni fa ci lasciò una delle donne più belle, più simpatiche ed ironiche che la televisione ci abbia mai fatto conoscere.

Diventa un successo planetario

Le coppie artistiche comiche erano e sono sempre attuali, ma quando il duo diventa parte integrante della vita dell’artista, allora diventa un successo planetario.

Il 21 Settembre del 2010

Il 21 Settembre del 2010 moriva Sandra Mondaini a pochi mesi dalla scomparsa del suo compagno di vita e di lavoro Raimondo Vianello.

Il sodalizio con il marito

Era una comica, forse l’attrice comica per eccellenza negli anni sessanta ed il sodalizio con il marito che è durato tantissimi anni, l’ha resa un mito della tv di casa nostra.

Tanta forza di volontà e voglia di arrivare

Il padre famoso pittore la utilizzò sin da piccola in alcune campagne pubblicitarie, ma nonostante ciò la sua gavetta fu lunga e tortuosa, ma dalla sua aveva tanta forza di volontà e voglia di arrivare.

Il mio personaggio preferito è sempre stato Sbirulino!

Sono entrati a far parte della vita quotidiana di tutti noi

Sandra insieme a Raimondo sono entrati a far parte della vita quotidiana di tutti noi. Insieme ci hanno fatto ridere e divertire, hanno messo in pubblica piazza i semplici comportamenti che viviamo nelle nostre case, rendendoci più umani e più vicini agli altri.

Sono stati dei veri maestri di vita.

Il nome Sbirulino

Deriva con tutta evidenza dal vocabolo milanese sbìrul, che letteralmente (sia in senso proprio sia in senso figurato) significa “storto”, “sbilenco”

L’Italia del giorno dopo

F. CAMPOPIANO

*******************************************************************************************************************************************

*******************************************************************************************************************************************