Gallo: Sbirri – Non è detto che bisogna aspettare “una vita in divisa”

Gallo: Sbirri - Non è detto che bisogna aspettare "una vita in divisa"

Gallo: Sbirri – Non è detto che bisogna aspettare “una vita in divisa”

Sbirri Non è detto che bisogna aspettare che avvenga un delitto bisogna cercarselo il lavoro quindi si esce liberi di andare a caccia di notizie.

Io e Sergio siamo una coppia affiatata avevamo una notizia interessante, Si tratta di uno spacciatore d’eroina e cocaina inoltre sappiamo che organizzava festini clandestini a base di droga e sesso con delle ragazze minori. La base era la stazione Termini. dopo qualche ora, finalmente lo intravediamo.

Comincia il pedinamento

sfortunatamente si accorge di noi, si gira ci guarda e si rivolge in malo modo “chi cazzo siete che volete” il bello di questo lavoro che non c’è uno schema la nostra interpretazione, istinto, inventiva, in questi casi dobbiamo attuare la nostra interpretazione cinematografica non rimaneva che improvvisare.

Guardo Sergio con un sorriso beffardo gli feci l’occhietto piego la testa

metto le braccia sui fianchi, Sergio mi guarda terrorizzato esclamò ” non galli’ no ” Sergio sa che ho sempre un piano di riserva e quello lo spaventa, sorrisi e cominciai con una interpretazione di un omosessuale.

Guardai il giovane e gli dissi, ‘sei un bel ragazzone sto a caccia per passare una seratina particolare ma, sembra che mi sono sbagliato, lui incuriosito si avvicina e disse “a bel frocione hai trovato il tuo passatempo con me sicuramente passerai una notte indimenticabile” che dire il pollo era caduto in trappola.

Lo guardo compiaciuto e rivolgendomi verso Sergio

dissi” capito ci farà passare una serata indimenticabile Sergio abbozzo ‘un sorriso poi mi girai verso l’individuo gli misi il mio braccio intorno al collo ed esclamai “tesoro anche tu questa giornata difficilmente la dimenticherai.  Comincio a chiedere Cosa mi proponeva, disse che avrebbe rimediato la cocaina, lo guardai compiaciuto, sempre lui, guardò il mio amico ed esclamò ” non lo vedo contento.

Senti se avete soldi da spendere magari per il tuo ragazzo gli rimedio una bella ragazzina” faccio finta di pensarci e gli dissi ” guarda io sono geloso però questa sera faccio un’eccezione; Sergio era gonfio a stento si tratteneva nel ridere e prenderlo a pizzoni. Ci diamo l’appuntamento per la sera sembrava che andasse tutto liscio, andiamo all’incontro con un rinforzo, purtroppo si fece sgamare.

La Merdina venne ci disse che non avremmo fatto più niente

  • Gli chiesi perché lui fece cenno verso il collega in giacca e cravatta per educazione non dico cosa avevamo pensato del collega.

Nei giorni a seguire lo cerchiamo lo troviamo, lo chiamo lui viene verso la nostra macchina e cercando di fargli capire che noi non eravamo due omosessuali anzi gli spiegammo chi eravamo in realtà il finale? lo lascio alla vostra immaginazione, naturalmente non finì bene per lui.

(ma questa è un’altra storia.)

Una vita in divisa di Gianni Gallo

Gallo: Sbirri - Non è detto che bisogna aspettare "una vita in divisa"