Gianni Gallo: Giuro di essere fedele alla Repubblica

Gianni Gallo: Giuro di essere fedele alla Repubblica

Giuro di essere fedele alla Repubblica: Ma chi fa politica sa il significato?

Gianni Gallo: Giuro di essere fedele alla Repubblica


di Gianni GALLO


Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della nazione. Ero davanti all’ospedale militare in fila esternamente aspettando di entrare eravamo in molti, In quel momento sento dei soldati che marciano diretti verso l ‘asta. Un soldato aveva tra le mani ben piegata la bandiera italiana, il plotone di soldati si avvicinarono all’asta, ecco che, d’altoparlante l’inno nazionale, la bandiera era quasi in cima quando un pazzo che era in fila esternamente cominciò a dire a voce alta delle frasi incomprensibili.

Giuro di essere fedele alla Repubblica

di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della nazione. La bandiera era fissa in alto improvvisamente ci fu magicamente un soffio di vento. e la bandiera cominciò a sventolare. Eravamo un centinaio in fila ad aspettare ma allo sventolare della bandiera ci fu da parte di tutti noi il saluto militare.

Nello stesso momento in coro 100 pazzi, gridammo Le frasi del pazzo precedente, e se domani c’è ne fossero 1000, e poi 10.000, e ancora 1000.000 di pazzi. Che osassero gridare giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la costituzione e leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della nazione Mi dicevano che queste frasi sono presenti in un libro sconosciuto chiamata Costituzione.

Chi sa quanti oggi che rappresentano la nostra nazione sanno il significato di queste splendide parole

Quanti di questi signori sono entrati nei cantieri, ospedale dove sono malati di cancro, scuole, nei di posti di lavoro delle forze dell’ordine. Oggi si parla della nuova presidenza, del covid dei nuovi premi e aumenti della politica. Ma la cosa più inquietante sono gli aumenti del 50/100 di gas e luce, e altro.

Chi lo dice a mia madre che prende 600 euro di pensione?

Chi lo dice che in questi due anni di una pandemia voluta milioni di persone hanno perso lavoro e migliaia di aziende chiuse? Sono felice di essere indipendente e non essere un tifoso o fanatico di una politica lontana dai lavoratori, studenti, pensionati e delle partite Iva. Gianni Gallo


HOME PAGE