Ing. Giulio Ceretti il genio Italiano che realizzò la 1° funivia in Italia

Ing. Giulio Ceretti il genio Italiano che realizzò la 1° funivia in Italia

Ing. Giulio Ceretti il genio Italiano che realizzò la 1° funivia in Italia

 


→ L’Italia del giorno dopo di Campopiano / Castelli → The Social News
 

“Molti di noi quando parlano di “Genio” si riferiscono quasi sempre a Leonardo Da Vinci o personaggi simili, più o meno famosi, ma quasi sempre conosciuti da tutti. l’Ing. Giulio Ceretti. So di non essere in grado di poter cambiare il corso della storia passata, ma vorrei aggiungere ai grandi nomi collegati al “Genio” anche l’Ing. Giulio Ceretti.

La parola genio

viene usata troppo spesso in maniera sbagliata, e non viene riconosciuta a persone che hanno fatto grande prima una Nazione e poi il mondo intero, ed è per questo che voglio avvicinarla proprio a Ceretti. Il 24 Ottobre del 1868 Giulio Ceretti è nato a Bologna proprio il 24 Ottobre del 1868, ed è stato forse il primo ingegnere a dedicare le proprie conoscenze in favore della semplificazione del lavoro nei porti e nel poter raggiungere posti e luoghi   irraggiungibili prima di quel momento.

Fu l’ingegnere che realizzò la prima funivia in Italia

Per spiegarvi meglio ed in maniera più semplice fu l’ingegnere che realizzò la prima funivia in Italia, nell’attuale provincia autonoma di Bolzano. In realtà già ne esisteva una in Spagna, nata qualche mese prima ma ebbe vita breve in quanto venne chiusa poco dopo.

A nostro parere il settore dove mise in campo le sue capacità migliori fu nell’organizzazione dei porti commerciali

Organizzando e predisponendo macchine per il sollevamento di carichi pesanti, semplificando e velocizzando il lavoro di molti. Se oggi riusciamo a prendere i container e riusciamo a metterli direttamente sui treni, il merito è principalmente di questo signore.

Se vi interessa vi consiglio di andarvi a leggere la sua vita, ci sono dei passaggi molto interessanti riguardo la prima guerra mondiale, dove ha installato Funivie smontabili create e poi rimosse per portare i combattenti ed i loro materiali in luoghi non facilmente raggiungibili.

IMMAGINE: Di Ed.ceretti – Edoardo Ceretti, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=7176738


HOME PAGE