La Bussola di Le Focette di Marina di Pietrasanta

La Bussola di Le Focette di Marina di Pietrasanta: l’Italia del giorno dopo rubrica di Francesco Campopiano

2 Ottobre il ricordo di ieri

Il ricordo di ieri va nei confronti di un uomo che nel suo piccolo è riuscito a rendere grande e famosa una località Italiana. Sembra assurdo ma è così.

La Versilia un posto accogliente

Con la sue grandi capacità imprenditoriali ha contribuito a rendere la Versilia un posto accogliente e ricercato da milioni di persone.

Sergio Bernardini, fondatore de La Bussola di Le Focette

Il 2 Ottobre del 1993 ad Asti moriva Sergio Bernardini, fondatore de La Bussola di Le Focette, famosissimo locale di Marina di Pietrasanta che insieme alla Capannina di Franceschi hanno monopolizzato gli anni del boom economico Italiano.

Nazionali ed Internazionali i cantanti del momento

Bernardini oltre che ad essere un imprenditore fu anche un impresario, e con le sue conoscenze riuscì a portare in Versilia i cantanti piu’ famosi nazionali ed internazionali del momento.

Una lista lunghissima di artisti

Non posso elencarli tutti, sarebbe una lista lunghissima ma qualche nome ve lo faccio, Fabrizio De Andrè, Mia Martini, Mina, Renato Zero, Aretha Franklin, Ray Charles e tantissimi altri.

Luogo di arte pura e di musica nuova

La sua voglia di musica e teatro lo portò a creare anche la Bussoladomani, luogo di arte pura e di musica nuova con nomi del Calibro come Barry White, Joe Cocker e Gianna Nannini.

Una piazza a lui dedicata

Fu un genio per il territorio locale, è mi fa piacere sapere che il Comune di Pietrasanta gli dedicato una piazza ed un lungo mare.

Le storie belle della nostra Italia

Queste sono le storie belle della nostra Italia, persone che oltre a guadagnare per se, contribuiscono al bene comune.

RUBRICA: “L’Italia del giorno dopo di F. Campopiano”

Blog Galg61 The Social News

L’Italia del giorno dopo

F. Campopiano

*******************************************************************************************************************************************

*******************************************************************************************************************************************