La Mummia Otzi

La Mummia Otzi: L’Italia del giorno dopo rubrica di Francesco Campopiano

19 Settembre del 1991

il ricordo di qualche giorno fà forse è uno dei più belli e significativi della storia Italiana e Mondiale in merito al nostro passato remoto.

Un museo creato per OTZI

Chi ama la storia probabilmente ricorda questo evento ed ha anche visto il museo che è stato creato dopo questo ritrovamento.

Una coppia di coniugi Tedeschi durante un escursione

Il 19 Settembre del 1991 una coppia di coniugi Tedeschi stavano facendo una escursione sulle montagne che delimitano il confine tra Italia ed Austria. Durante l’escursione trovarono il corpo di un uomo, inizialmente tutto portava a pensare che fosse il corpo di uno sciatore scomparso giorni prima, ma dopo alcuni accertamenti si scoprì che si trattava di una mummia che aveva almeno 5000 anni, La famosa Mummia di Similaun.

Fu riconsegnata alla Provincia Autonoma di Bolzano

La Mummia fu portata ad Innsbruck per essere analizzata e studiata, ma essendo stata trovata per soli pochi metri nel territorio Italiano, dopo qualche tempo fu riconsegnata alla Provincia Autonoma di Bolzano, dove attualmente è conservata presso il Museo Archeologico dell’Alto Adige.

Dall’Austria alla Toscana alla Lombardia fino al Veneto

Otzi, così è stato chiamato, racconta in modo particolare la vita nei nostri territori, unendo l’Austria con la Toscana, passando dalla Lombardia fino al veneto.

Cuoio, Rame, Tasso, Selce, coltello, arco e frecce…materiali ed oggetti che erano con lui…

Non vi racconto niente di più

Non vi racconto niente di più, perché credo che sia interessante per voi andare a cercavi maggiori informazioni da soli, se vi interessa resterete a bocca aperta.

Le note negative

Le note negative sono 2, la prima è collegata all’azione legale legata al ritrovamento, la seconda alle mille teorie sulla vita e sulla morte di questo uomo, non ce né una uguale all’altra!

L’Italia del giorno dopo

F. CAMPOPIANO

*******************************************************************************************************************************************

*******************************************************************************************************************************************