La storia di una squadra

Oggi l’amico e collega M. Grasso ci racconta la storia di una squadra di Poliziotti che ha fatto la differenza nella Catania fuorilegge così come l’ha definita nel suo libro Pino Vono, “I Falchi nella Catania Fuorilegge”. Un gruppo storico in quegli anni come lo definisce Mario. Alcuni di questi uomini li ho conosciuti personalmente pur non facendo parte della squadra perché ero alle Volanti alla Questura di Catania, ragazzi, impegnati dalla mattina alla sera nella lotta alla criminalità, una criminalità che in quegli anni aveva messo a ferro e fuoco la città.

Catania

questa squadra combatteva per un risultato, in questa squadra massacravamo di fatica noi stessi e tutti quelli intorno a noi per un risultato, ci difendevamo con le unghie e con i denti per un risultato, perché sapevamo che quando andavamo a sommare tutti quei risultati il totale allora faceva la differenza tra la vittoria e la sconfitta, la differenza fra vivere e morire.

Era sovente nell’attività professionale espletata da questo gruppo in quel periodo storico, il rischio di rimanere feriti o perdere la vita per il giuramento fatto (alcuni sono deceduti durante l’espletamento del servizio), per arrivare a dei risultati positivi , e io so che se potrò avere una esistenza appagante sarà perché sono disposto ancora a battermi e a morire per quegli ideali…

Non è facile e non per tutti in questa attività riuscire a trovare la giusta determinazione..Occorrono delle serie motivazioni; onestà, spirito di sacrificio e di servizio e una straordinaria tenacia.

Perché occorre tener ferma l’attenzione sulla meta per mesi o per anni, senza debolezze, senza riposo, continuamente attenti, vigilanti

Fare il proprio dovere lo si fà per principio, per la propria dignità, per se stessi e per la collettività. La gente che ci osserva dall’esterno, pensa che sia tutto facile. Invece nulla è facile…Buona serata a tutti i miei colleghi e non…

di M. Grasso