Nov.1978: L’omicidio del Procuratore di Frosinone CALVOSA e della scorta

Nov.1978: L’omicidio del Procuratore di Frosinone CALVOSA e della scorta

Nov.1978: L’omicidio del Procuratore di Frosinone CALVOSA e della scorta

Nov.1978: L’omicidio del Procuratore di Frosinone CALVOSA e della scorta


di Francesco CAMPOPIANO – L’Italia del giorno dopo


  • Secondo voi, i magistrati onesti possono avere una vita facile?
  • Devono avere paura solo dei mafiosi o anche di altre congreghe?

8 Novembre del 1978

Ieri ricorreva un delitto accaduto nel 1978, dimenticato volutamente dai buoni pensatori. L’8 Novembre del 1978 fu assassinato il Procuratore Capo del tribunale di Frosinone CALVOSA e gli uomini della sua scorta. Fu ucciso dalle FCC (formazioni comuniste combattenti). Per chi non lo sa, le Fcc sono un misto di Brigatisti Rossi imparentati con Prima Linea, passate vicine a Potere Operaio e vicini a certi personaggi massonici.

Si erano organizzati per creare una sorta di esercito proletario clandestino parallelo

Erano quasi tutti figli di partigiani, ma di varie estrazioni sociali, e volevano combattere il potere così! Fedele CALVOSA morì solo perché era un rappresentate dello Stato, questi terroristi uccidevano solo rappresentanti delle forze dell’ordine e Magistrati.

Gesù proteggimi” era scritto sul vetro della macchina del magistrato

Uscì di casa insieme ai due autisti per recarsi a lavoro con la sua auto, dopo pochi metri ad un incrocio si pararono davanti i tre assassini, che armi in mano spararono senza pietà. CALVOSA e due ragazzi rimasero uccisi sul col “Gesù proteggimi” era scritto sul vetro della macchina del magistrato, ma neanche Gesù è riuscito a fermare la mano assassina di questi fetenti, figuriamoci gli altri!

Aggiungo che questi uomini SONO DA RICORDARE! E non da me…ma dallo STATO, se c’è! Francesco Campopiano  l’Italia del giorno dopo


Aforisma del giorno: L’amore è fatto di pioggia: Solo il vento sa quando e dove può arrivare. Giorgio Faletti


HOME PAGE