Sacco e Vanzetti: Agosto1927 vennero uccisi perché Italiani

Sacco e Vanzetti: 23 agosto1927 giorno vennero uccisi perché Italiani

Sacco e Vanzetti: Agosto1927 vennero uccisi perché Italiani

L’Italia del giorno dopo di Francesco Campopiano.

Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti: 23 agosto del 1927 giorno in cui vennero uccisi 2 uomini Italiani. Ci sono episodi che hanno insegnato al mondo a vivere, o meglio, che avrebbero dovuto insegnare . Qualcuno capisce, altri un po’ meno, i peggiori sono quelli che fanno finta di capire, ma continuano a fare le stesse cose nonostante l’evento che ha colpito il mondo.

Il 23 agosto del 1927 fu il giorno in cui vennero uccisi 2 uomini Italiani, ritenuti colpevoli di furto ed omicidio. La giustizia Americana li ha ritenuti colpevoli, ma in realtà fu un omicidio razzista un vera e propria esecuzione di Stato.

Solo perché erano italiani 

Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti furono messi sulla sedia elettrica e fatti arrostire, solo perché Italiani. Erano Anarchici, erano dei gran lavoratori, ed erano Italiani. Erano Anarchici, erano dei gran lavoratori, ed erano Italiani e per questi motivi furono considerati ladri ed assassini e Nonostante la confessione di un terzo uomo, che li scagionava completamente furono giustiziati lo stesso. Scrisse e parlò con gli ambasciatori Italiani in America.

Quel birbaccione di Mussolini che in quel momento era capo del governo, provò anche lui ad intervenire per salvare i due Italiani, dichiarando che il processo era falsato e pregiudizioso nei confronti degli Italiani. Scrisse e parlò con gli ambasciatori Italiani in America e con l’ambasciatore Americano in Italia, ma fu clamorosamente inascoltato.

Tutti gli stati occidentali si schierarono con i due Italiani

Se dobbiamo trovare una nota positiva in questa vicenda, è che tutti gli stati occidentali si schierarono con i due Italiani, se la si può considerare positiva logicamente. 1977 fu riconosciuto la loro innocenza. Solo nel 1977 fu riconosciuta la loro innocenza e la loro estraneità dei fatti; e furono riconosciuti gli errori nel processo, ormai troppo tardi! Onore a Nick and Bart, onore a Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti. 

L’Italia del giorno dopo di Francesco Campopiano

 

F. CAMPOPIANO