Zecchino d’Oro il primo “Talent” al mondo

Zecchino d’Oro il primo “Talent” al mondo: L’italia del giorno dopo ruburica di Francesco Campopiano.

Oggi…o meglio stasera…

proprio non posso far altro che ricordare uno degli eventi più conosciuti in Italia, forse l’argomento più Nazional Popolare che ci sia.

Ha più di sessanta anni di storia

Ha più di sessanta anni di storia, 61 per la precisione e non è praticamente mai passato di moda. Se ci soffermiamo a pensare possiamo quasi dire che sia stato il primo “Talent” al mondo.

Quanti sono cresciuti con la sua musica

Quanti sono passati dalle sue grinfie, quanti lo hanno condotto e quanti sono cresciuti con la sua musica senza contare il peso che si è   conquistato nella cultura di massa.

Il 24 Settembre 1959 iniziò la prima edizione dello Zecchino d’Oro

Il “Salone del Bambino”

Gli organizzatori del “Salone del Bambino”, famosa manifestazione Milanese dedicata ai più piccoli ed alle loro necessità, chiesero a Cino Tortorella di promuovere una trasmissione televisiva dedicata ai bambini. Ci lavorò su e la sviluppo sulla falsa riga del Festival di San Remo, creando lo Zecchino d’Oro che tutt’oggi conosciamo.

Il sodalizio con i Frati Minori dell’Antoniano

Qualche anno dopo nacque il sodalizio con i Frati Minori dell’Antoniano che portò alla nascita del Piccolo coro dell’Antoniano, coordinato e diretto dalla Grandissima Mariele Ventre.

Una cosa completamente Italiana

I risultati che ebbe questo programma furono enormi, ed è bello sapere che si tratta di una cosa completamente Italiana.

Secondo solo allo sbarco dell’Apollo 11

Nel 1969, andò in eurovisione e fu il secondo programma più visto di quell’anno superato solo dallo sbarco sulla Luna dell’Apollo 11.

Grazie Cino grazie Mariele grazie Sabrina grazie Topo Gigio

Grazie Cino, grazie Mariele, Grazie Sabrina, grazie Topo Gigio e soprattutto grazie a tutti le persone che non ho menzionato, che hanno contribuito a rendere grande questo programma.

L’Italia del giorno dopo

F. CAMPOPIANO

*******************************************************************************************************************************************

*******************************************************************************************************************************************